Alla scoperta del Paese meno conosciuto d’Europa

Scommettiamo che state cominciando a passare in rassegna i vari paesi europei, dalla Spagna alla Romania, o probabilmente, coscienti dell’unico luogo in Europa dove non programmereste mai un viaggio, avete già capito. Un patrimonio UNESCO descritto spesso come il luogo più deprimente del mondo, il meno popolato,  piccolo, piccolo, ma con una posizione strategica, città di Lussemburgo è nel cuore dell’Europa, ma nessuno ci va.

Siamo in una città a dimensione d’uomo, visitabile a piedi, strutturata su due livelli: la Ville Haute e la Ville Basse, è un continuo sali e scendi, fortuna ci sia l’ascensore cittadino a semplificare il collegamento tra queste due parti della città. Imperdibili le Casemates du Bock, rifugio sotterraneo durante l’occupazione spagnola nel 1600, dichiarate patrimonio UNESCO, raggiungibili dalla Cattedrale di Notre Dame attraverso il Chemin de la Corniche, un cammino che offre un panorama mozzafiato sui tetti puntigliosi del Grund (quartiere di Ville Basse) sia di giorno che di notte. Un centro città sfarzoso con pasticcerie, negozi d’alta moda, ristorantini e l’imperdibile Chocolate House proprio davanti al Palazzo Granducale,  noi ancora stiamo pensando a che cioccolata prendere, tanti, tantissimi i gusti proposti. Per non parlare delle tante boulangerie, brasserie e bistrot che popolano la città. Un nome, un inganno, tanta chiccheria a parole, nei fatti tavole calde, trattoriole o pubs e mini ristorantini tipici, ottimi ma niente di tanto elegante come fanno pensare. Alla sera la città si illumina, o quasi, vanno molto a risparmio questi lussemburghesi, ma la movida si fa sentire, sarà anche piccola, piccola come città, ma gli abitanti sanno come divertirsi e Clausen è il quartiere con la maggior concentrazione di pubs.

Pensare che noi per prime non sapevamo neanche dove fosse posizionato il Lussemburgo, eppure si è rivelato una vera chicca che offre il meglio di sé sotto il periodo natalizio. D’altronde si sa, i mercatini di Natale al nord sono tutta un’altra storia: casette in legno, mini ruote panoramiche, riproduzioni di carrilon viventi, luci, profumi di cannella e del buon vin bruciato per scaldarsi, non dimentichiamoci poi delle Gromperekichelcher, deliziose frittelle di patate. Da Place Guillaume II a Place d’Armes, il clima natalizio è impossibile non sentirlo, vi ritroverete in una realtà distante da quella che siamo soliti vivere, un’atmosfera fiabesca che non pensavamo poter toccare con mano.

Certo è che la città pur essendo una bomboniera è davvero molto piccola, un granducato, l’unico al mondo, giusta per una toccata e fuga in un weekend invernale, ma papabile come stop per un on the road tra Francia e Germania.

Seguiteci sui nostri social Instagram, Facebook e Twitter!

Pubblicato da

Giulia e Martina, amiche e viaggiatrici folli, assetate di avventura, pronte insieme a girare il mondo, alla scoperta dei mille colori, profumi, suoni che esso ha da offrire. Viviamo la vita viaggiando. Segni particolari? Una voglia di mondo sul cuore.

2 risposte a "Alla scoperta del Paese meno conosciuto d’Europa"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...