Spoleto: sulle tracce di Don Matteo

Da qualche settimana sono iniziate le riprese di Don Matteo e noi ne abbiamo approfittato per andare a dare un’occhiata. Un tour a piedi nel comune umbro di Spoleto per scorgere i luoghi più o meno noti che abbiamo imparato a conoscere tramite questa amata Fiction. Tra una foto e l’altra, chi lo sa se poi non ci ritroviamo proprio lui, Terence Hill, a rovinarci l’inquadratura 😉. Non ci resta che augurarci buona fortuna!

Iniziamo la nostra camminata dal punto più alto della città: la Rocca Albornoziana, utilizzata negli ultimi anni, come sede del carcere di Don Matteo. Situata sulla sommità del colle Sant’Elia, è circondata da un percorso della lunghezza di 1 km facilmente percorribile a piedi. Unico difetto? Troppe api! Sarà che saremo “apifobiche”, se così si può dire, ma non abbiamo mai percorso così velocemente 1 km di strada. Purtroppo non abbiamo potuto attraversare il Ponte delle Torri, in quanto chiuso, e quindi ci siamo dovute accontentare della sua vista da via Gattaponi.

20171007_215920

20171007_215607

Scendendo verso il centro cittadino, si arriva a Piazza del Duomo, che è la location principale della serie televisiva. Qui si trova la maestosa Cattedrale di Santa Maria Assunta, meglio conosciuta come Duomo, costruita in sostituzione della preesistente Chiesa di Santa Maria del Vescovato. Al suo interno una chicca è la cupola affrescata da Pinturicchio, famoso pittore dalla corporatura minuta, il cui nome è stato associato al giocatore della Juventus Alex Del Piero. Diversi i pellegrini inginocchiati per una preghiera, che percorrono la via Francigena.

20171007_222156

Prima di continuare la nostra passeggiata spoletina, però, non potevamo non fare una foto al bar/ristorante dove Terence Hill e Nino Frassica si ritrovano spesso per una partita a scacchi, non ci credevamo, ma esiste davvero ed è proprio lì, ai piedi delle scalinate che permettono l’accesso in Piazza del Duomo. Ultimo sguardo veloce e niente da fare, ancora una volta è sempre Don Matteo a venirci in mente, stavolta, però, abbiamo riconosciuto la facciata della caserma dei Carabinieri utilizzata nella fiction, è Palazzo Bufalini, oggi proprietà privata.

20171007_220611

Ci perdiamo tra i vicoletti di questo affascinante comune, passiamo sotto l’arco di Druso, qualche foto a via delle Mura Ciclopiche, uno sguardo ai negozi di corso Giuseppe Garibaldi, saltiamo su quei fantastici percorsi meccanizzati e all’improvviso, nella parte sud della città, scorgiamo lui: Don Matteo. Le foto descrivono meglio quanta distanza passava tra noi e lui ☹.

20171007_221258

20171007_221545

Lasciamo Terence Hill alle prese con le riprese 😉. Ma insomma dov’é la chiesa del prete detective più famoso d’Italia? È la Basilica di Sant’Eufemia. Non ci abbiamo messo molto a trovarla, in un comune così ben organizzato e raccolto è impossibile perdersi e dimenticarsi di vedere qualcosa. Insomma abbiamo passato una giornata tra risate, cultura, scoop e divertimento. A presto Spoleto, il nostro è solo un arrivederci!

Seguiteci sui nostri profili Instagram e Facebook!

Pubblicato da

Giulia e Martina, amiche e viaggiatrici folli, assetate di avventura, pronte insieme a girare il mondo, alla scoperta dei mille colori, profumi, suoni che esso ha da offrire. Viviamo la vita viaggiando. Segni particolari? Una voglia di mondo sul cuore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...