Florida On The Road

Florida arriviamo. Pronte per la prima avventura insieme oltreoceano, un Fly & Drive travel di circa 1500 km tra le spiagge di Baywatch “miamesi”, una fuga a Key West e un ritorno al paese dei balocchi, anche detto Orlando 😉. Un viaggio in simpatia alla scoperta del Sunshine State, pronte a condividerlo con voi.

11 ore di volo interminabili ma finalmente ci siamo, siamo negli States, una chiacchiera con il policeman del controllo passaporti e in un batter d’occhio siamo fuori. Prendiamo un taxi per raggiungere l’hotel, tariffa fissa per Miami Beach pari a 35 $, un furto paragonato ai prezzi stracciati del nostro tanto amato Uber.

Tempo di lasciare i bagagli e via su Ocean Drive, un mix di musica latina, alcool e sigari cubani venduti ad ogni angolo della via. In un baleno ci ritroviamo sedute con un cocktail e due cannucce sul tavolo, a praticare lo sport d’eccellenza di Miami Beach: il people watching. In questo istante abbiamo realizzato di essere arrivate: 31° ed un cielo minaccioso di tempesta. Benvenuti a Miami!

Miami

Diciamocelo, andare a Miami è cool! Attenzione però, assicuratevi di aver compiuto 21 anni, altrimenti ve la godrete solamente a metà. Una città double face, così l’abbiamo definita, vita da spiaggia di giorno ed eccentrica di notte. Premettiamo, Miami non è sicuramente una città che ha molto da offrire a livello turistico, ma se non volete passare tutte le vostre giornate in spiaggia tra un frullato detox, un cocktail ed un tuffo al volo nell’oceano per la paura di un incontro ravvicinato con gli squali, esistono delle alternative, eccome se esistono. Noi da buone iperattive non siamo state ferme un attimo, un paio d’ore di sole in spiaggia (all’altezza del Lummus Park), un bagno rinfrescante ed eravamo pronte a scoprire i mille colori che la città ha da offrire. Arriviamo fino a South Pointe, uno stop nel distretto di Downtown, più precisamente a Wynwood, per ammirare i graffiti di strada, ed una passeggiata a Lincoln Road. Toccata e fuga a Bayside Marketplace, Coconut Grove e nella vicina Fort Lauderdale. Non potevamo poi farci mancare il consueto giro in barca tra le ville dei vips, sarebbe stato come andare a Parigi e non vedere la torre Eiffel, più o meno. Se poi vi serve una fuga dall’eccentricità e dalla caoticità di Miami Beach, Cape Florida Lighthouse sarà il vostro angolo di paradiso. Se la Miami di giorno non vi è bastata, aspettate di vedere la city di notte, tra chic e caraibico soddisferà tutti i vostri gusti.

20170905_154749

Miami – dove mangiare

  • Burrito San: quando l’idea messicana incontra il gusto giapponese, deliziosi burritos in pieno japanese style.
  • Pura Vida: l’Acai bowl più buona di Miami, da quella alla frutta, al cioccolato o al burro di arachidi. A due passi da Ocean Drive.
  • Lilikoi Organic Living: amanti del cibo sano e instagramers appuntatevi questo nome.
  • Five Guys : l’America si sa è quella dei fast food, ma se volete uscire dai soliti “fritti e rifritti” di McDonald’s e Burger King, questa è una valida alternativa.

20170906_151158

20170906_151649

20170906_151426

Ma non è tutto! Come anticipato, non ci siamo fermate di certo nella città d’arte déco del Sunshine State, ma armate di spirito di avventura e curiose come siamo, ritiriamo il nostro SUV per partire alla volta di Orlando. Piccola deviazione per Cape Canaveral, siamo in Florida quale miglior occasione di dare una sbirciatina alla NASA? Non corriamo troppo, al più potrete entrare a visitare al costo di 50 $ il Kennedy Space Center, un “parco”, una riproduzione di navicelle, missili ed avventure spaziali che spesso ci fanno sognare. Un tour soporifero in bus, tra rampe di lancio passate e future fino al Saturn V Center per ripercorrere le esplorazioni lunari. Tornate alla base ci catapultiamo alla simulazione del lancio spaziale, che spettacolo, non varrà 50 $ del biglietto d’ingresso, ma almeno andiamo via contente 😊.

20170801_192532

Orlando

Eccoci arrivate, una città cresciuta intorno al business dei parchi a tema, quelli American style, insomma pensati in grande. Hotels a prezzo stracciato, che economicità… ma aspettate di vedere i prezzi dei ticket dei parchi tematici e cercherete un bar per sedervi e un bicchiere d’acqua per riprendervi. 170 $ a persona è l’ingresso degli Universal Studios + Islands of Adventure, e questo è solo il ticket standard, ma ormai si è in ballo e allora balliamo. Non so voi come la pensiate, ma quanta allegria mettono questi parchi a tema?! Eravamo due bambine con il sorriso stampato sul volto a mangiare donuts per le vie di Springfield salutando Homer e Bart, una passeggiata in bici con E.T., un incontro ravvicinato con la mummia (che paura!), T-Rex e poi un mondo, ragazzi, che roba, la realtà supera le aspettative, lì dietro un’apparente stazione londinese eravamo ad Hogwarts.

20170902_220649

20170906_164147

Non vi preoccupate, è il tempo a ricordarvi di essere in Florida, puntuale come un orologio svizzero, ecco il consueto acquazzone pomeridiano. Il parco con le sue attrazioni chiude alle ore 22, ma la giornata non pensiate sia finita qui, immaginate la fame e allora dritte a sederci in uno dei tanti localini del CityWalk, appena fuori al parco.

20170903_183018

A malincuore sappiate che non abbiamo visitato i parchi della Walt Disney, ma qualcosina bisognava anche lasciarla per una futura visita no? Ad essere sincere, navigando qua e là, abbiamo scoperto di essere vicine a Daytona Beach, una delle spiagge più belle della Florida e quando poi abbiamo letto del Beach driving… cavolo, anche noi volevamo portare il nostro fiammante (dal caldo 😉) macchinone in spiaggia sulla sabbia, non sarà un rally con i fiocchi, se così si può dire, ma fa americano no?! E allora via direzione Daytona. Pagato l’ingresso alla spiaggia di 10 $, accediamo con l’auto, che spettacolo, stiamo guidando sulla sabbia a pochi metri dall’oceano. Foto di rito, infradito, costume, macchina parcheggiata e un tuffo in acqua, che volere di più dalla vita. Attenzione, però, a non parcheggiare l’auto nella parte opposta di tutte le altre o sarete inseguiti dai policemen durante una tranquilla passeggiata sul bagnasciuga, fidatevi ne sappiamo qualcosa.

20170903_182351

Cariche e in pieno American mood, compriamo i biglietti per Lakeland Flying Tigers vs Daytona Tortugas, non c’è americano che tenga che non sia stato almeno una volta nella vita ad una partita di baseball. Ecco, assicuratevi però che sia una signora partita, altrimenti passerete più tempo ad acquistare hot dogs che sugli spalti.

Anche qui a malincuore è arrivata l’ora di lasciare Orlando e dirigersi verso sud.

Florida Keys

A pochi giorni dal rientro a casa siamo pronte per Key West, l’ultima delle isole Keys, che ci attende alla fine della Overseas Highway (US 1), una magnifica autostrada sull’oceano. Ahimè per chi guida e fortunati i passeggeri che godranno di paesaggi unici, siete voi ed una distesa infinita di acqua. 5 gli stops che non dovrete assolutamente saltare:

  1. Bagno fugace in autostrada – nei pressi di Islamorada, non dubitate per un pit stop rinfrescante nelle acque oceaniche, ma attenzione a parcheggiare nel lato giusto della strada, off limits a semafori e strisce, siamo ai lati della carreggiata, niente guardrail, solamente ciottoli e acqua chiara.
  2. Robbie’s –  Avete mai sentito parlare di tarponi? Pensare che noi li volevamo mangiare e invece “nada, non se puede”, ma un salto da Robbie’s per guardarli da vicino fatelo. Costo 2 $, se poi volete qualche pesciolino da lanciare ai tarponi, altri 2,75 $, ma attenti ai pellicani o vi ruberanno i pesci!
  3. Seven Mile Bridge – e se lasciaste la macchina per attraversare l’oceano a piedi? Siete nel posto giusto.
  4. Old Bahia Honda Bridge – non ci sono parole per descriverlo, ritroverete la pace dei sensi solamente stando seduti ad ammirarlo.20170903_19452820170905_161431
  5. Ed infine eccola lì Key West, la più famosa delle Keys, guidatori esperti e non, attenzione agli incroci, c’è sempre qualche gallo a creare confusione per strada. Saloon, casette colorate, una deliziosa Key Lime Pie e un’atmosfera goliardica accompagneranno la vostra permanenza sull’isla, insieme al consueto cartello “a vostro rischio e pericolo”, qui la responsabilità non se la prendono neanche per l’ingresso in spiaggia. Di giorno mare e sport acquatici, di notte alcool e musica, Duval Street è in festa, capirete che anche da queste parti sanno come ci si diverte 😉. Unica pecca?  Averci quasi lasciato le zampe sul jet ski, ma chi ha messo in giro la voce che guidarlo è un gioco da ragazzi? In men che non si dica vi ritroverete con foglio rosa per la patente nautica, giubbotto salvagente e un jet ski legato a voi. Non scordatevi che circolerete in pieno oceano, e non è certo un giro tranquillo lungo la costa. Aggiungeteci la potenza del vento che praticamente si impossessa della vostra moto d’acqua, no grazie, vogliamo tornare a terra.20170905_154427
    Preghierina di ringraziamento, un abbraccio liberatorio e pronte per l’ultimo saluto all’isola, ed è lei che ancora una volta ci regala un tramonto da pelle d’oca. La Sunset Celebration di Mallory Square è un must che viene reputato uno dei tramonti più belli al mondo.20170903_180619

Florida Keys – dove mangiare

  • DJ’s Clam Shack (Key West): amanti dell’aragosta, fateci un salto per un lobster roll da leccarvi i baffi.
  • Kermit’s Key West Key Lime Shoppe (Key West): la vostra Key lime pie vi aspetta, sentirete come una tira l’altra.

20170906_150639

Hasta luego amici viaggiatori e Buon Viaggio

Seguiteci sui nostri social Instagram e Facebook!

Pubblicato da

Giulia e Martina, amiche e viaggiatrici folli, assetate di avventura, pronte insieme a girare il mondo, alla scoperta dei mille colori, profumi, suoni che esso ha da offrire. Viviamo la vita viaggiando. Segni particolari? Una voglia di mondo sul cuore.

10 risposte a "Florida On The Road"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...